Archivi categoria: Autodeterminazione

Sabato 29 luglio Uaar al Rimini Summer Pride

Il Circolo Uaar di Rimini aderisce e partecipa al Rimini Summer Pride 2017 che si terrà sabato 29 luglio.
Dopo i numerosi Pride che si sono tenuti in tutta Italia saremo presenti anche a Rimini con gli amici del circolo di Ancona.
Chiunque voglia unirsi a noi è il benvenuto.
Vi aspettiamo! L’appuntamento è alle ore 18:00 per il raduno in Piazzale Benedetto Croce (ex Piazzale Pascoli) al quale seguirà il corteo.
Qui la pagina FB dell’evento

Sabato 15 aprile il Circolo Uaar di Rimini alla Festa degli Storti (Grotta Rossa – Rimini)

Sabato 15 aprile dalle ore 19:00 alle 00:30, il Circolo Uaar di Rimini partecipa alla Festa degli Storti che si terrà presso Grotta Rossa (Spazio Pubblico Autogestito) Via della Lontra 30, 47923 RIMINI
Saranno presenti numerose associazioni, tra cui la nostra, con banchetti e punti informativi, concert live e djset.
Venite a trovarci, con un modesto contributo potrete informarvi ed aiutare tante realtà attive sui diritti.
Al nostro tavolo sarà disponibile materiale informativo sui nostri temi, e sarà anche possibile iscriversi all’Uaar.


Evento Facebook

Domenica 22 gennaio presentazione libro “Le scelte di vita di chi pensa di averne una sola” con Raffaele Carcano

carcano

Domenica 22 gennaio alle ore 17:00 presentazione del libro “Le scelte di vita di chi pensa di averne una sola” (edizioni Nessun Dogma) con la presenza dell’autore Raffaele Carcano, presso Sala del Buonarrivo (Corso d’Augusto 231, Rimini). Mappa
Ingresso libero.
Raffaele Carcano è laureato in scienze storico-religiose ed è stato segretario dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti dal 2007 al 2016. Ha curato il volume Le voci della Laicità e ha scritto Uscire dal gregge (con Adele Orioli) e Liberi di non credere.
Qual è il pensiero dei milioni di italiani che non credono? Come si traduce in pratica? Come vivono? Quali scelte compiono? Perché le compiono? Raffaele Carcano tenterà di rispondere a queste domande e a molte altre. Partendo dal presupposto che, quando si ritiene di avere una sola vita a disposizione, si aprono immediatamente innumerevoli possibilità. Al punto che esistono forse tanti ateismi e agnosticismi quanti sono gli atei e gli agnostici.
Certo: vivendo in Italia si devono anche fare i conti con istituzioni profondamente clericali. L’assenza di laicità ha pesanti conseguenze sulla vita di ogni giorno di tutti i cittadini e, in particolare, sui cittadini che non sentono alcun bisogno di Dio. E porta dunque a compiere scelte molto differenti. Eppure tutte significative.

UAAR al Rimini Summer Pride sabato 30 luglio

IMG_7996

Anche il circolo UAAR di Rimini aderisce e partecipa al Rimini Summer Pride che si terrà sabato 30 luglio.
Avremo la possibilità di scendere in strada e sfilare con le nostre bandiere e il nostro entusiasmo, per sostenere libertà e diritti accanto a tutti gli altri movimenti e realtà arcobaleno.
L’appuntamento è alle ore 18.30 a Piazzale Kennedy per l’aggregazione dei vari gruppi e partecipanti, la partenza è prevista per le ore 19:30 con il corteo che percorrerà il lungomare fino a Piazzale Fellini, dove è allestito un palco. Seguiranno varie feste ed eventi.
Il programma completo del Rimini Summer Pride è visibilequi.
Vi aspettiamo!
locandina-730x1030

Rimini, Registro delle unioni civili

Ad un mese dall’approvazione, a Rimini, del regolamento per il Registro delle unioni civili, giungono le prime richieste di iscrizione.
In questo Registro possono richiedere di essere iscritte due persone maggiorenni, di sesso diverso o dello stesso sesso, che risiedono e coabitano nel comune di Rimini: chi si iscrive al registro è equiparato al “parente prossimo del soggetto con cui si è iscritto” ai fini della possibilità di assistenza.
Sul sito Urp del Comune si trovano le informazioni necessarie.
In assenza di una normativa nazionale, sono sempre più numerosi i comuni che istituiscono registri per le unioni civili (in provincia lo scorso mese ha adottato un regolamento anche il comune di San Clemente), nell’auspicio che anche questo serva a ricordare al Parlamento, come ha fatto l’UAAR, che all’Italia servono leggi laiche per contrastare un pesante clima di stagnazione, quando non ostilità, sui diritti e sui provvedimenti che li riguardano.
Proprio in questi giorni, sul tema delle unioni civili, il Parlamento dovrà dimostrare se intende dare all’Italia una svolta laica e moderna o se resterà ostaggio delle influenze clericali.