Oneri di urbanizzazione secondaria a Rimini

Su un quotidiano locale è stato pubblicato un articolo riguardante gli oneri di urbanizzazione secondaria, relativamente al quale il nostro circolo ha ritenuto di fornire alcune precisazioni:

«In riferimento all’articolo pubblicato sul quotidiano La Voce del 13 Agosto relativo agli Oneri di Urbanizzazione Secondaria, è da precisare che il D.C.R. 849/1998 al punto 1.4 indica che è facoltà dei Comuni modificare le percentuali dalla medesima delibera stabilite, con apposito atto di Consiglio. Questo per rispondere anche al Sig. Sindaco che così scrisse in risposta al questionario dell’UAAR di Rimini in occasione delle elezioni amministrative: “..mi riferisco in particolare al finanziamento dell’edilizia di culto, sulla cui obbligatorietà o meno non sono davvero in grado in queste ore di effettuare un approfondimento che mi riservo ben volentieri di svolgere se i cittadini mi daranno il consenso necessario a rappresentarli come Sindaco.” Altri candidati si espressero a sfavore di questo contributo, il questionario e le risposte sono disponibili su http://www.uaar.it/Rimini.
Non si mette certo in dubbio la necessità “di interventi di riqualificazione o ristrutturazione degli edifici religiosi, le chiese in particolare, di particolare interesse storico-artistico”; ciò che lascia perplessi è il tasso di deperibilità degli edifici religiosi riminesi, i quali ogni anno ricevono notevoli stanziamenti per la loro manutenzione. Secondo i dati dell’amministrazione (manca il dato del 2010), queste sono state le quote assegnate:

Anno Chiesa Cattolica Testimoni di Geova
2004 € 255.000 € 45.000
2005 € 251.263 € 44.341
2006 € 340.000 € 60.000
2007 € 255.000 € 45.000
2008 € 232.325 € 40.999
2009 € 188.987 € 14.013
2010 dato non reperito dato non reperito
2011 € 95.301 quota non richiesta

Si può prendere atto che con il trascorrere degli anni la quota è notevolmente diminuita, venendo forse incontro ai gravi problemi che la grave crisi economica crea in tutti i settori economici e sociali.
Però non si può evitare di pensare che altri edifici, quelli sì pubblici, hanno necessità di tipo edilizio che purtroppo non possono essere soddisfatte, basti pensare alle scuole, agli asili, alle strutture che si occupano dei cittadini con problemi di vario tipo, degli ambienti delle associazioni di volontariato che si adoperano là dove lo Stato non arriva.
Molte sono le voci che si alzano sulla stampa nazionale in questi giorni perché anche la Chiesa faccia la sua parte in questi tagli e sacrifici richiesti ai cittadini, poiché gode di sgravi ed agevolazioni fiscali tali da potersi rendere indipendente nella cura delle sue proprietà: Ires (meno 50 per cento), Irap, Iva, inoltre aiuti “indiretti” come le convenzioni sanitarie e lo stipendio agli insegnanti di religione (per amore della precisione, questi insegnanti sono nominati dalla curia, non fanno i concorsi obbligatori per gli altri insegnanti, sono pagati anche con le tasse di quei circa 9 milioni di non credenti che hanno figli sparsi per classi e corridoi perché l’ora alternativa garantita dalla legge non lo è sempre nei fatti). Le scuole cattoliche costano allo Stato circa 240 milioni; la Costituzione vieta che i fondi pubblici siano destinati ad altro che alle scuole pubbliche, ma è bastato chiamare le scuole private “parificate” per lavarsi la coscienza. A proposito, avete già acquistato i libri per i vostri figli alle medie ed alle superiori? Quanto vi è costato?
Lasciamo da parte poi l’8×1000, il cui meccanismo è così poco chiaro che molti pensano che non destinando la quota, la cifra vada allo Stato, non è esattamente così. Sono molte le possibilità di informarsi su questo meccanismo, il suggerimento è di sfruttarle, se non altro per una destinazione consapevole dei propri soldi.
In conclusione, se lo Stato chiede che ognuno faccia la sua parte, lo facciano tutti. In Italia abbiamo già la Casta politica che succhia miliardi a destra e manca guardandosi bene dal partecipare a stringere le cinghia, siamo davvero in grado di sostenere economicamente anche la Casta dei Casti?
Un pensiero di gratitudine quindi ai Testimoni di Geova che quest’anno hanno rinunciato a richiedere la quota degli Oneri di Urbanizzazione Secondaria, € 16.700, con la speranza che siano bene utilizzati.»

Annunci

Una risposta a “Oneri di urbanizzazione secondaria a Rimini

  1. Pingback: Oneri di urbanizzazione a Rimini « EugenioPari – Weblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...